Piazza Galeazzo Alessi, 1/7 - 16128 Genova (GE)


Berlino - La Lpa organizza al FruitLogistica di Berlino, il giorno giovedì 5 febbraio, il convegno “Ligurian Ports: shipping Food and Perishables. The Med Gateway to Expo 2015”. Ospiti Guido Grimaldi (Grimaldi Group), Alessandro Piccardo (gruppo Orsero), Giovanni Bandini (Tarros), Alfonso Clerici (La Spezia Reefer Center).

Genova - La Ligurian Ports Alliance organizza al FruitLogistica di Berlino, il giorno giovedì 5 febbraio, il convegno “Ligurian Ports: shipping Food and Perishables. The Med Gateway to Expo 2015”.

L’appuntamento è alle 15.45 presso la Stuttgart Room della Hall 1.2 alla Messe Berlin. L’evento ha il supporto di Regione Liguria e Liguria International. All’incontro interverranno, oltre ai presidenti dei tre porti liguri (Gian Luigi Miazza, presidente Autorità portuale di Savona e di Ligurian Ports, Luigi Merlo, presidente Ap Genova, Lorenzo Forcieri, presidente Ap La Spezia) e Franco Aprile, presidente di Liguria International, Guido Grimaldi, Short Sea Lines Commercial Manager, Grimaldi Group, Alessandro Piccardo, Amministratore Delegato, Reefer Terminal Vado Ligure, Giovanni Bandini, Manager & Marketing Sales, Tarros, Alfonso Clerici, Consigliere del La Spezia Reefer Center, che racconteranno esperienze, progetti e novità nella catena logistica del freddo.

In vista di Expo 2015, in Italia sono stati sperimentati una serie di prodotti doganali in grado di aumentare l’efficienza e la velocità dei nostri scali. Questi sono in sostanza il pre-clearing, il corridoio doganale, lo sportello unico, il punto di controllo doganale a destinazione. Si parla di Italia, ma il principale sistema portuale del nostro Paese è proprio la Liguria con i suoi tre porti: Savona, Genova, La Spezia e da qui sta transitando e transiterà tutto il materiale destinato a Expo 2015, evento interamente dedicato alla nutrizione, quindi un tema del tutto in linea con le tematiche trattate al FruitLogistica di Berlino, la più grande fiera mondiale dedicata alla logistica del settore alimentare e del fresco.

Lo sdoganamento anticipato è una realtà in fase di implementazione in tutti i porti italiani. In relazione a Expo, tutte le polizze di carico con dicitura “merce Expo” sono soggette a sdoganamento anticipato. Una procedura che oggi, dove applicata, ha impresso una fortissima accelerazione alle procedure doganali. Un container che arriva in Liguria ha un dual time in perfetta media europea, con tempi abbattuti del 40%. Il secondo aspetto, è quello del monitoraggio della merce dall’uscita del porto sino a destinazione.

Sono infatti in fase di realizzazione in Italia i cosiddetti corridoi doganali, che saranno gestiti dal sistema Uirnet. Si tratta di un sistema di monitoraggio dell’automezzo e del container, dal momento in cui arriva in banchina, al momento in cui viene sdoganato, direttamente a destinazione, senza dover essere soggetto a soste in porto. Il sistema è in grado di controllare le deviazioni dell’automezzo, l’attraversamento dei punti di interesse, le problematiche lungo il percorso (ad esempio situazioni di traffico), i tempi di percorrenza eccedenti e i tempi massimi stabiliti.

Il primo corridoio sarà operativo da maggio, e sarà quello tra Genova e l’Expo - dove è stato organizzato a Rho, cioè nell’area milanese dove sarà in corso l’evento - un punto doganale per l’analisi di rischio sulla merce (dogana ma soprattutto sanità marittima e ufficio veterinario, visto che gli alimenti saranno protagonisti di questa edizione di Expo). Ma il sistema è già stato testato ed entrerà ufficialmente in funzione dal primo aprile per la merce Ikea in arrivo nei porti della Spezia e Genova, con corridoi doganali fra i due porti e il centro di smistamento per Ikea Italia, che si trova a Piacenza.

Media partner dell’evento “Ligurian Ports: shipping Food and Perishables. The Med Gateway to Expo 2015” è the MediTelegraph.com

 


Torna alla Pagina delle News